La Rosa di Fuoco”: a Ferrara una mostra racconta il fervore artistico di Picasso e Gaudí.

29/4/2015

Fino al 19 luglio Palazzo dei Diamanti a Ferrara ospita la grande mostra “La Rosa di Fuoco”, uno spaccato della scena artistica di Barcellona all’inizio del Novecento.

Il sacro fuoco dell’arte, quell’impulso naturale che ha ogni artista a creare, a generare qualcosa di nuovo, di raccontare la sua realtà e la storia attraverso la propria capacità espressiva.

Di questo parla la mostra, di quel fervore artistico che imperversava nell’animo e nel pennello, e non solo, di grandi maestri dell’inizio del secolo scorso a Barcellona, essa stessa “rosa di fuoco”, città in piena rinascita culturale e sociale, anche grazie all’Esposizione Universale del 1888, volano di innovazione urbana, economica e intellettuale, ma anche “infuocata” da scontri e conflitti dovuti ad una crescente tensione sociale.

SCOPRI FERRARA IN VIRTUAL TOUR

picasso

E nella capitale catalana di inizio Novecento i protagonisti erano loro, i grandi Pablo Picasso (Málaga, 1881 – Mougins, 1973) e Antoni Gaudí (Reus, 1852 – Barcellona, 1926), le cui opere narrano quegli anni di profondi mutamenti, appartenenti a quella “rosa” di artisti coinvolti attivamente nel rinnovamento, guidati dal “fuoco” della modernità.

Non solo le arti figurative, ma anche la musica, il teatro, la letteratura furono coinvolti in questo “uragano” di idee, cambiando il volto della città sul modello della Parigi Art Nouveau.

L’esposizione mostra attraverso dipinti, opere grafiche, gioielli, fotografie, sculture, modelli architettonici e anche teatrali come tutte le arti in quel momento storico abbiano beneficiato di quel focoso desiderio di esplorare l’inesplorato, creando un gruppo di artisti visionari, geniali, vulcanici e inquieti che riscrissero e modellarono la storia dell’arte influenzando un intero secolo, il XX°.

 

Info:

19 Aprile 2015 – 19 Luglio 2015

Palazzo dei Diamanti, Ferrara

www.palazzodiamanti.it

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento