A Marino la tradizionale Benedizione degli animali

14/1/2013

La Città di Marino, in occasione della tradizionale ricorrenza di Sant’Antonio Abate darà vita anche quest’anno alla cerimonia di benedizione degli animali, di cui il santo è protettore, tipica espressione della tradizione contadina, conservata e tramandata fino ai giorni nostri.

San'Antonio protettore degli animali domestici

San’Antonio protettore degli animali domestici

Giovedì 17 gennaio alle ore 15:30 a Santa Maria delle Mole, in zona Spigarelli, nel parco pubblico Ruggero Lupini in collaborazione con la Parrocchia della Natività della Beata Maria Vergine, la benedizione verrà  officiata dal Parroco  Don Vincenzo Calvaruso, mentre Domenica 20 gennaio 2013  alle ore 12,00 nell’antica Chiesetta di Sant’Antonio “au Castellettu”, nel centro della cittadina la benedizione verrà officiata, in collaborazione con il Comitato Madonna de U Sassu, dal Parroco  don Pietro Massari.

Non solo animali tipici della tradizione contadina ma anche animali domestici, parteciperanno con i loro proprietari a questo rito antico la cui tradizione deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. Secondo una leggenda veneta, la notte del 17 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio.

 

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento