Lucca: “in mostra” il tema della notte dagli Egizi al ‘900

25/11/2014

Dal 21 novembre  al 6 aprile 2015 Lucca ospita una grande rassegna dedicata all’arte pittorica dei Macchiaioli, per indagare l’aspetto più rivoluzionario del loro stile apparentemente lineare.

“Signorini, Fattori, Lega e i Macchiaioli del Caffè Michelangiolo. Ribelli si nasce” è il titolo della mostra in programma fino al prossimo aprile al Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art.

Scopo della rassegna è quello di guardare con occhi diversi le opere del movimento dei Macchiaioli, vedendole con una luce nuova per comprenderne la loro modernità, la loro reale capacità di ribellarsi alle regole accademiche, di operare un importante cambiamento culturale finora, forse, rimasto nell’ombra.

GUARDA TUTTI I VIRTUAL TOUR REALIZZATI IN TOSCANA 

mostra_Macchiaioli

Il percorso espositivo lungo cui si snoda la mostra sottolinea ogni fase evolutiva del movimento analizzandolo in chiave più attuale,  rileggendo le 40 opere esposte facendo caso all’utilizzo innovativo del colore, proiettato verso la ricerca della luce per rendere ancor più realistico il reale, dimostrando di essere degli sperimentatori della propria epoca e non dei semplici pittori che rappresentavano quello che vedevano.

Telemaco Signorini, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Giuseppe Abbati, Cristiano Banti, Giovanni Boldini, Odoardo Borrani, Vincenzo Cabianca, Vito D’Ancona, Raffaello Sernesi, sono loro i protagonisti dell’arte pittorica dell’Ottocento italiano, che con la loro passione e ispirazione hanno saputo, attraverso piccoli accorgimenti prima d’ora forse impercettibili, ribellarsi per  rendere ancor più limpida la rappresentazione della propria realtà.

Info:

“Signorini, Fattori, Lega e i Macchiaioli del Caffè Michelangiolo. Ribelli si nasce”

21 novembre 2014  –  6 aprile 2015

Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art, Via della Fratta, 36 -  Lucca

Costo del biglietto: intero € 9, ridotto € 7

www.luccamuseum.com/it

 

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento