Tuscia. Civitella D’Agliano e la “Passione secondo Yeoshua”

27/3/2013

Per il settimo anno consecutivo Sabato 30 marzo 2013 nella deliziosa Civitella D’Agliano, nella splendida Tuscia Viterbese, si svolgerà un’insolita processione del Venerdì Santo.

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

Nella cornice di Piazza Unità d’Italia alle ore 21 verrà messo in scena uno spettacolo che più che una commemorazione della Pasqua rappresenta una ricerca sul mistero della Croce, su ciò che ha significato e che continua a rappresentare per l’umanità intera. In particolare si tratta di una rappresentazione teatrale frutto di un’indagine durata sette anni che cerca di riassumere i temi fondamentali racchiusi nel mistero della crocifissione di Gesù: parla del male nel mondo e della piena responsabilità di chi lo sceglie; tratta del bene e del merito di chi lo pratica; descrive la dignità che accompagna il ‘giusto’ fino all’ultimo atto del suo martirio. E parla della speranza e dell’amore che, insieme, vincono sul male, come ci ha dimostrato il figlio di Dio col suo sacrificio e la sua resurrezione.

Dunque, questa è la Passione secondo Yeoshua-Gesù, una rappresentazione che congiunge l’olocausto di Yeoshua con quello che gli è più immediatamente ricollegabile, la Shoah, ma che si riferisce anche a tutti quei popoli che hanno subito e subiscono questa terribile sorte, a tutti gli innocenti perseguitati della storia passata, presente e futura. La Croce diviene perciò la memoria perenne di tutte le vittime incolpevoli di ogni luogo, tempo e colore e rappresenta la condanna della violenza. Questo suggestivo ed emozionante spettacolo teatrale è possibile grazie alla collaborazione di tutte le persone che sostengono questo progetto: l’Associazione ‘Le Nove Muse’, la Parrocchia di don Luca, la Pro Loco, il Progetto Turistico Civitella D’Agliano e la Protezione Civile.

Francesca Pontani

Informazioni
30 marzo 2013
Ingresso libero
Civitella D’Agliano (VT), Piazza Unità d’Italia
Ore 21.00

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento