Toscana a tavola: i primi piatti della tradizione

27/4/2015

Le ricette dei tre primi piatti tipici della Toscana, tra sughi profumati, pomodori freschi, olio extravergine e pasta tirata a mano. La Toscana terra di prodotti tipici di incredibile bontà e genuinità, ci sorprende a tavola con i piatti della tradizione ancora oggi cucinati e proposti da ristoranti e agriturismi che in città, così come in campagna, preparano le specialità di un tempo, proponendo quella cucina contadina e saporita che ad ogni boccone evoca atmosfere rilassate, valli assolate e distese di ulivi e pascoli e vigneti a perdita d’occhio.

Oggi parliamo di tre primi piatti famosi in tutto il mondo, pietanze di grande semplicità, reminiscenza di un passato contadino, povero, ma che non rinunciava al gusto e alla buona tavola.

Ecco le ricette dei tre primi più famosi che non mancano mai sulle tavole toscane:

pici

1. Pappa al pomodoro: protagonista di una notissima canzone che ancora oggi, dopo decenni, risuona sulle nostre bocche, altro non è che un piatto di riciclo, reso nobile dalla bontà degli ingredienti utilizzati, come i dolcissimi pomodori maturati al sole, pane toscano raffermo cotto a legna e tanto olio extravergine di oliva toscano, vero oro verde che rende unica ogni pietanza.

2. Panzanella: classico piatto contadino di riciclo, anche qui protagonisti sono il pane toscano e l’olio extravergine, ma uniti ad altri ingredienti più “estivi” per creare una sorta di “insalata di pane” fresca e invitante, per un pasto veloce ma sano.

3. I pici: grossi spaghettoni spessi e torniti tipici di tutta l’Italia centrale, che dall’Umbria al Lazio, con le ciriole e gli umbrichelli della Tuscia viterbese, sono protagonisti delle tavole e delle feste di paese che “esplodono” in primavera e in estate tra borghi e contrade, i pici sono una pasta fresca senza uova, tipici del sud della Toscana, della provincia di Grosseto, di Siena e della Val d’Orcia. Il condimento ideale per questa pasta? Tanti: dall’aglione al sugo di pomodoro semplice, da un ragù bianco di chianina, all’anatra e al tartufo. Ogni stagione regala a questa pietanza il giusto ingrediente per esaltare la stagionalità e i tanti prodotti tipici di questo straordinario territorio che è la Toscana.

 

Facili, veloci, bastano pochi ingredienti, meglio se originali e locali, per portare un po’ di Toscana sulla propria tavola!

 

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento