Speciale Expo 2015: i primi piatti della tradizione italiana

4/5/2015

In occasione dell’apertura di Expo 2015 facciamo un viaggio attraverso l’Italia alla scoperta dei primi piatti della tradizione italiana, capisaldi della nostra cultura culinaria, ricette uniche che raccontano la storia di un popolo unito, ma profondamente diverso a tavola.

L’Italia e le sue 20 regioni offrono un’enorme varietà di piatti, di prodotti, di ricette frutto di una tradizione radicata nel territorio – che generoso offre alla tavola i suoi tanti “frutti” – e nella storia, di un luogo, di un popolo, delle sue usanze.

Dall’umido e freddo nord al caldo sud, il nostro Paese è un trionfo di profumi, sapori, colori, dalle montagne alle coste, dalle campagne al mare, tanti gli ingredienti che la nostra terra, costantemente baciata dal sole, ci dona da sempre per preparare pietanze uniche, conosciute in tutto il mondo, per una varietà, prelibatezza e genuinità che non hanno eguali.

tartufo nero di norcia

Dalla lenticchia di Castelluccio al tartufo Nero di Norcia IGP, all’olio extravergine DOP della Sabina, dalla Colatura di Alici di Cetara, dal Limone Sfusato amalfitano al Limone di Sorrento IGP, detto femminello e tanti altri prodotti che sono il vanto del nostro Stivale.

Dal Piemonte alla Sicilia, ecco i 15 primi piatti della tradizione italiana più conosciuti, imitati, invidiati dal mondo intero: scopri ai link tanti consigli, le immagini, la storia, le ricette, i trucchi e le curiosità!

1. Agnolotti - Piemonte

2. Risotto alla milanese – Lombardia

3. Canederli – Trentino Alto Adige

4. Risi e Bisi – Veneto

5. Lasagna – Emilia Romagna

lasagna

6. Pappa al Pomodoro – Toscana

7. Ciriole – Umbria

8. I Vincigrassi Marchigiani – Marche

9. Pasta alla Carbonara – Lazio

spaghetti alla carbonara

10. Maccheroni alla chitarra – Abruzzo

11. Spaghetti alle Alici di Cetara – Campania

12. Orecchiette alla cime di rapa – Puglia

13. Pasta alla n’duja – Calabria

14. Spaghetti alla catanese – Sicilia

15. Malloreddus – Sardegna

 

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento