Scavi di Pompei, rinvenuta nuova iscrizione elettorale del 79 d.C.

30/1/2014

Gli Scavi di Pompei ritornano alla ribalta dei media, questa volta non per un crollo o per un disservizio, ma per la scoperta di una nuova iscrizione elettorale.

La nuova iscrizione

La nuova iscrizione

GUARDA I VIRTUAL TOUR REALIZZATI IN CAMPANIA

All’interno del sito archeologico all’aperto più grande d’Europa sullo stipite occidentale dell’ingresso alla casa attribuita ai Postumii (Reg. VIII, ins. 4, nr. 4), lungo via dell’Abbondanza, è stata rinvenuta l’iscrizione.

Molto lacunosa in quanto era sottoposta ad un frustulo d’intonaco, sbriciolatosi per il maltempo, che ancora ricopriva in piccola parte il setto murario, ma è stato ugualmente possibile interpretarla.

E’ un manifesto a lettere rosse in favore di un candidato, Lucio Ceio Secondo, attivo in età flavia, di cui probabilmente si propugna l’elezione ad edile. Tale candidatura fu coronata da successo, dal momento che negli ultimissimi anni di Pompei, forse proprio nel 79, egli si presentò per l’elezione a duoviro. L’intonaco steso all’ingresso della casa e che aveva ricoperto l’iscrizione era stato quindi posto solo pochissimi anni prima della fine della città.

I restauratori della Soprintendenza stanno ora provvedendo al consolidamento dei resti delle lettere dipinte per assicurarne la conservazione.

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento