Nasce “Costa Blu del Cilento”, intesa tra Provincia di Salerno, Parco Nazionale e 15 Comuni

16/11/2012

E’ stato sottoscritto, nell’ambito della Bmta di Paestum, il protocollo d’intesa per la collaborazione in ambito turistico-ambientale finalizzata alla valorizzazione e promozione della “Costa blu del Cilento”.

Un momento della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico in corso di svolgimento a Paestum

L’intesa è stata siglata dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, coordinatore dell’iniziativa, la Provincia di Salerno, e 15 Comuni della costa cilentana.  Si tratta di un’intesa sinergica di sviluppo eco-sostenibile e valorizzazione turistica rivolta ai Comuni costieri del Cilento insigniti della bandiera blu.

Quello che emerge dal protocollo d’intesa è la possibilità di instaurare un rapporto di sinergia organica e duratura per la creazione di un sistema di attività per la tutela e valorizzazione dei beni ambientali e culturali del territorio costiero del Cilento, riconosciuto quale Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco, riserva di biosfera Mab, GeoParks Network, nonché includente le Aree marine protette di Santa Maria di Castellabate e Costa degli Infreschi e della Masseta.

Tra gli obiettivi dell’accordo, ci sono l’utilizzazione della denominazione “Costa Blu del Cilento” su tutti gli strumenti di comunicazione turistica ed istituzionale, azioni comuni di salvaguardia ambientale, attività di promozione turistica. Alla firma hanno partecipato il presidente del Parco del Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano,  gli assessori provinciali Adriano Bellacosa (Ambiente) e Costabile D’Agosto (Turismo), i sindaci dei Comuni di Agropoli, Camerota, Capaccio, Castellabate, Montecorice, Pollica, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola-Palinuro, San Giovanni a Piro, San Mauro Cilento, Santa Marina, Vibonati, Sapri.

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento