In Abruzzo si scia coi lupi

11/2/2015

Paesaggi selvatici, la solitudine intatta di una natura aspra e rude fatta di rilievi e da una ricca vegetazione, l’incanto dei paesaggi d’Abruzzo pervade l’intero territorio. Il Parco Nazionale d’Abruzzo stordisce con la sua natura lussureggiante ed incontaminata, il solenne massiccio del Gran Sasso svetta maestoso come un audace santuario, il Parco della Majella si innalza con la sua aurea di spiritualità, la parete rocciosa della catena montuosa Sirente-Velino sovrasta un tipico scenario dell’Appennino abruzzese, le selve boschive dell’altopiano delle Cinque Miglia, luoghi ideali per storie senza tempo.

parco nazionale d abruzzo

Qui, nell’Abruzzo più selvaggio e riservato, si possono trovare le località simbolo del turismo invernale del Centro Italia, le piste sciistiche più belle d’Italia, belle quanto quelle delle Dolomiti. Si scia davanti a suggestivi borghi, alcuni con vista sull’Adriatico. Questa è una grande zona di sci, si scia a Rivisondoli, nota come la Cortina del Sud, a Roccaraso, a Pescasseroli, sull’Aremogna, sul Monte Magnola ad Ovindoli, sul Monte Pratello, sul Pizzalto e sulla Majelletta, dove è possibile trovare anche lo snowpark più alto del Centro Italia. Posti diversi, più o meno difficili, piste battute circondate quasi tutte da vette alpine meno “addomesticate”.  Ma basta oltrepassare il limite della neve battuta delle piste sciistiche o degli impianti di risalita, per ritrovarsi nel regno del lupo appenninico. D’inverno, seguirne le orme sulla neve al chiaro di luna non è così difficile.

pescasseroli

Cooperative e guide alpine organizzano il trekking coi lupi, escursioni naturalistiche all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo forniti solo di ciaspole, alla scoperta di questi splendidi esemplari. Così è possibile monitorare la presenza e le abitudine del branco attraverso il wolf-howling, l’ululato del lupo, ammirarlo con un buon binocolo mentre attraversa la selvaggia zona della Camosciara, o ritrovarselo improvvisamente a pochi metri, ma senza correre nessun pericolo.

lupo appenninico

Classico è il Carnevale dei lupi, una ciaspolata che si svolge ogni anno dall’1 al 4 marzo nelle valli circostanti. Eccentrico e paesaggistico invece il Pine Cube, punto di osservazione e meditazione minimalista creato nei pressi della Val Cerrato, un luogo perfetto per l’avvistamento del mammifero dove ogni anno viene organizzato il Wolfday o il Wolfweekend, giornate intere immersi nella natura intatta con la speranza di incrociare lo sguardo del lupo.

Chi partecipa a queste audaci passeggiate sulla neve o sosta in questi intriganti spazi naturalistici, sa che avvistare un lupo è possibile, ma non garantito.

Cesare Paris

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento