I Mamuthones e il Carnevale di Mamoiada

24/2/2014

Tutto pronto per il suggestivo in Sardegna per il Carnevale di Mamoiada 2014, previsto per il 2 e 4 Marzo 2014. Si tratta di un appuntamento immancabile con la tradizione poiché in quest’occasione, ogni anno 12 “Mamuthones” circondati da 8 “Issohadores” ripetono l’antica danza millenaria.

Appuntamento in Sardegna

Appuntamento in Sardegna

CERCA IL TUO COMUNE IN VIRTUAL TOUR

Il Carnevale di Mamoiada si è aperto come ogni anno il 17 Gennaio con la prima uscita dei “Mamuthones” che, in occasione delle celebrazioni in onore di Sant’Antonio, raggiungono a passo di danza i fuochi e ci girano intorno per tre volte.

TUTTI GLI EVENTI DI CARNEVALE SUGGERITI DAL NOSTRO BLOG

Il Carnevale di Mamoiada 2014 è uno degli eventi più celebri del folclore sardo, legato all’immagine notissima delle maschere tradizionali: i Mamuthones e gli Issohadores. I primi, vestiti di pelli ovine, indossano una maschera nera di legno d’ontano o pero selvatico, dall’espressione sofferente o impassibile; sulla schiena portano “sa carriga“, campanacci dal peso di circa 30 kg, legati con cinghie di cuoio, mentre al collo portano delle campanelle più piccole. I “sonazzos” sono dotati di “limbatthas“, batacchi costruiti utilizzando le ossa del femore di pecore, capre, asini o altri animali e sono ancora oggi realizzati da artigiani locali. Gli Issohadores indossano una camicia di lino, una giubba rossa, calzoni bianchi, uno scialle femminile, a tracolla portano sonagli d’ottone e di bronzo.

Un rito molto sentito del carnevale è la vestizione dei Mamuthones, dopo la quale sfilano in gruppi di dodici, rappresentando i mesi dell’anno, guidati dagli Isshoadores che sfilano in gruppi di otto e danzano eseguendo passi di notevole difficoltà. La sfilata dei Mamuthones e degli Isshoadores è una vera e propria cerimonia solenne, ordinata come una processione.

Tutte le informazioni ed il programma sul sito web: http://www.mamuthonesmamoiada.it/

Valeria Davolo

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento