Fino ad ottobre il Festival di Musica Antica in Puglia

12/9/2012

La musica antica di Puglia si mette in rete grazie all’iniziativa messa in piedi da Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia finalizzato all’incentivazione del sistema musica.
Comune capofila di ben 4 Festival è quello di San Vito dei Normanni e coinvolge altre 13 amministrazioni locali, ma anche associazioni, enti pubblici e privati. Da fine agosto a metà ottobre la musica antica d’Europa passa per la Puglia e soprattutto si mette in rete e dopo il “Barocco Festival Leonardo Leo“, direzione artistica Cosimo Prontera, svoltosi tra San Vito dei Normanni (guarda i virtual tour), Brindisi (guarda i virtual tour), Mesagne (guarda i virtual tour) e Carovigno (guarda i virtual tour) tra fine agosto ed inizio settembre, è in corso di svolgimento a Taranto il “Giovanni Paisiello Festival“, direttore artistico Lorenzo Mattei, giunto alla sua decima edizione, che ha preso il via lo scorso 8 settembre, ed in calendario ha ancora due appuntamenti.
Serata clou del “Giovanni Paisiello Festival” sarà il prossimo 17 settembre quando alle ore 21 al MUDI – Museo Diocesano di Taranto si terrà il concerto “La Musica da chiesa di Paisiello” che sarà eseguita dal coro polifonico Choraliter, organista Danilo Tarso, direttore Pierluigi Lippolis. A seguire ci sarà la cerimonia di consegna del premio “Giovanni Paisiello Festival” un riconoscimento ad un personaggio o ad una istituzione che ha contribuito alla riscoperta e alla valorizzazione del patrimonio musicale di Paisiello.
Il 19 settembre, sempre alle 21 e sempre al Mudi ci sarà il recital del mezzosoprano Marianna Pizzolato, e del fortepiano Stefano Montanari. Per tutte le info si può contattare il numero 099 7303972 o visitare il sito www.giovannipaisiellofestival.it.
Ma la rete della Musica antica di Puglia ha in programma altri due festival, si tratta “Anima Mea – Musiche, Mondi, Memorie” che prenderà il via il 21 settembre e si svolgerà tra Molfetta ed Acquaviva delle Fonti (per tutte le info www.orfeofuturo.it), mentre il giorno successivo sarà la volta de “La Via Francigena del Sud” (leggi l’articolo).

Una veduta del Castello Aragonese di Taranto

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento