Da Roma a Firenze una mostra itinerante riunisce gli arazzi di Giuseppe Ebreo

26/1/2015

Dal 16 febbraio con Roma parte la mostra itinerante che fino al 31 gennaio 2016 riunirà in diverse città italiane – Milano e Firenze – il celebre ciclo di arazzi che raffigurano la storia del patriarca biblico Giuseppe Ebreo, una delle maggiori opere di artigianato artistico del Rinascimento

Dopo 150 anni i venti arazzi, splendida fusione fra artigianato fiammingo e arte fiorentina, saranno di nuovo insieme nella Sala degli Specchi del Palazzo del Quirinale a Roma, per la mostra “Il Principe dei sogni. Le storie di Giuseppe negli arazzi di Pontormo e Bronzino”. Commissionati nel 1500 da Cosimo I° de’ Medici, finora erano suddivisi tra il Palazzo del Quirinale e Palazzo Vecchio a Firenze. Una mostra itinerante, organizzata per volontà dell’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il sindaco di Firenze, Dario Nardella.

 TROVA IL TUO COMUNE IN VIRTUAL TOUR 

arazzo_mostra

L’esposizione, infatti, dopo Roma, il 1° maggio si aprirà a Milano – a Palazzo Reale – fino al 31 agosto, in previsione dell’Esposizione Universale, per poi chiudere il suo giro a Firenze, proprio a Palazzo Vecchio, dove resterà dal 15 settembre al 31 gennaio 2016.

Separati nel 1882 per volere dei Savoia dopo essere stati per più di 100 anni conservati nella Sala de’ Dugento di Palazzo Vecchio, gli arazzi di inestimabile valore potranno finalmente tornare a “raccontare” in sequenza le vicende del patriarca biblico che ispirò le pregevoli opere la cui realizzazione, a metà del XVI secolo, fu affidata ai maestri arazzieri fiamminghi Jan Rost e Nicolas Karcher che lavorarono sui disegni di Agnolo Bronzino, Jacopo Pontormo e Francesco Salviati, i maggiori esponenti del Manierismo fiorentino.

 

Info:

“Il Principe dei sogni. Le storie di Giuseppe negli arazzi di Pontormo e Bronzino”

Roma: Palazzo del Quirinale 16 febbraio – 12 aprile 2015

Milano: Palazzo Reale 1° maggio – 31 agosto 2015

Firenze: Palazzo Vecchio 15 settembre – 31 gennaio 2016

 

Ingresso gratuito

 

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento