“Caravaggio. L’urlo e la voce” in mostra a Francavilla Fontana

30/10/2012

Resterà aperta al pubblico fino al prossimo 20 novembre la mostra “Caravaggio. L’urlo e la voce” ospitata nella sale del Castello Imperiali di Francavilla Fontana in provincia di Brindisi. Si tratta dell’esposizione della riproduzione in alta definizione di 31 capolavori dell’artista nella forma di un racconto scandito in cinque capitoli.

Caravaggio in mostra a Francavilla Fontana fino al 20 novembre

La mostra è stata inaugurata lo scorso 20 ottobre. L’urlo e la luce che racconta il percorso creativo del pittore lombardo Michelangelo Merisi da Caravaggio (1571-1610) negli anni della svolta epocale – tra gli esordi romani e gli ultimi giorni napoletani, dal 1592 circa al 1610 – attraverso la riproduzione a grandi dimensioni e ad alta definizione digitale di 31 opere, disposte in un percorso non cronologico, bensì tematico, dentro cinque ideali stanze.

Emblematico è già il titolo – L’urlo e la luce -, a sottolineare l’evoluzione del pensiero e della tecnica del Caravaggio, pittore della realtà “sporca e graffiata”, ma anche pittore della luce della Grazia.

Dopo la prima stanza, dal titolo “Le pitture etichae” (o comiche), si entra nella seconda, ‘”L’urlo“: i quadri proposti mostrano fortissimi contrasti, sia nelle azioni (occhi sbarrati, teste mozzate) che nei colori (rosso-nero, bianco-nero, bianco-rosso, vita-morte). Nei dipinti delle altre tre stanze – “La Madre e il Bambino“,

“Il Redentore”, “I testimoni” – entra invece, quasi con prepotenza, la luce: luce pittorica, assoluta novità del suo genio, e luce di Grazia, capace di risollevare l’uomo dal baratro disastrato della sua umanità.

Al centro della mostra, un vero spettacolo teatrale in tre atti: il trittico della cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi a Roma, protagonista san Matteo (Vocazione di san Matteo, San Matteo e l’angelo, Martirio di san Matteo).

La mostra itinerante – prodotta da Itaca, società editrice e di promozione culturale, e curata dal professor Roberto Filippetti, studioso d’arte e letteratura – è organizzata dalla Fondazione Opera Beato Bartolo Longo in occasione del 9° Meeting della Cittadinanza Piena e Universale.

La mostra resterà aperta fino al 20 novembre e osserverà i seguenti giorni e orari di apertura al pubblico: da lunedì a domenica 9-13, 17-20; chiuso domenica mattina. L’ingresso è gratuito.

Per informazioni e prenotazioni delle visite: tel.  349 8689253, mail eventi@beatobartololongo.it

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento