Bologna. Al Museo Civico il ciclo di conferenze “Tra Oriente e Occidente”

31/1/2014

Prenderà il via il prossimo 1 febbraio al Museo Civico Archeologico di Bologna il ciclo di conferenze dal titolo “Tra Oriente e Occidente: l’Italia tra la fine dell’età del bronzo e l’età orientalizzante (XII – VII sec. a.C.)”.

Il Museo Civico di Bologna

Il Museo Civico di Bologna

GUARDA I VIRTUAL TOUR DI BOLOGNA

Saranno cinque gli appuntamenti, tutti ad ingresso gratuito, che permetteranno ai partecipanti di poter ascoltare gli interventi di cinque protagonisti della ricerca archeologica italiana per scoprire alcuni temi essenziali di un percorso secolare, che vede coinvolti assieme alle popolazioni indigene Micenei, Fenici e Greci.

L’intento del ciclo di conferenze è quello di focalizzare l’attenzione sul ruolo che l’Italia, protesa da sempre nel Mediterraneo, ha svolto come tramite tra uomini, idee e merci fra il Mare Nostrum e il Vecchio Continente.

Primo appuntamento sabato 1 febbraio alle ore 16, in Sala del Risorgimento, il primo appuntamento (ingresso libero):
Mercanti, guerrieri e schiavi: i Micenei e la penisola italiana alla fine del II millennio a.C., conferenza di Massimo Cultraro, CNR-Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Catania.

Queste le date degli altri incontri:
15 febbraio, ore 16. Il sito di Frattesina (Rovigo), ca. XII-X sec. a.C.: una rivoluzione della produzione e degli scambi tra Italia e Mediterraneo, Anna Maria Bietti Sestieri, Università di Lecce.

1 marzo, ore 16. I Fenici in Italia, Piero Bartoloni, Università di Sassari.

15 marzo, ore 16. I primi Greci d’Occidente: Pithekoussai tra mito, storia e archeologia,Valentino Nizzo, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna.

22 marzo, ore 16. Sfingi, leoni e alberi sacri: l’Orientalizzante e la produzione scultorea a Bologna, Marinella Marchesi, Museo Civico Archeologico di Bologna.

Gli incontri sono tutti ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti disponibili. Info 0512757212.

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento