Alla scoperta dei Musei Capitolini di Roma

27/5/2015

I Musei Capitolini di Roma sono il più antico museo al mondo aperto al pubblico. Costruiti nel lontano 1471 sulla michelangiolesca Piazza del Campidoglio, rappresentano la principale struttura museale civica della Capitale. Il polo museale è allestito all’interno del Palazzo dei Conservatori ed il percorso espositivo prosegue fino a raggiungere gli ambienti dell’antistante Palazzo Nuovo.

L’itinerario inizia con l’ingresso principale che dalla piazza conduce prima all’atrio e poi ad uno scalone che sale fino all’Appartamento dei Conservatori ed alla Sala degli Orazi e Curiazi, dove si possono ammirare, oltre alla famosa statua di Urbano VIII Barberini, opera del Bernini, anche i meravigliosi affreschi raffiguranti il “Combattimento tra Orazi e Curiazi” ed Il “Ratto delle Sabine”.

Lupa capitolina

Si prosegue verso la Sala della Lupa, dove è custodito il simbolo di Roma, la bellissima statua bronzea raffigurante la Lupa Capitolina che allatta Romolo e Remo. Uno dei punti più affascinanti del palazzo invece è l’Esedra di Marco Aurelio, ambiente enorme dove sono conservati la statua in bronzo dorato di Ercole, i resti della monumentale statua dell’imperatore Costantino e l’originale statua equestre di Marco Aurelio (la copia è posta al centro di Piazza del Campidoglio). Seguendo il percorso si raggiunge la Sala degli Horti Maecenatis, dove si trova la statue di Ercole che combatte e la Testa di Amazzone.

Salendo al secondo piano del palazzo si raggiunge prima la Pinacoteca Capitolina, che conserva straordinari dipinti come il “San Giovanni Evangelista”, opera di Caravaggio, poi il Medagliere Capitolino, dove sono esposte medaglie, gioielli e monete di epoca romana.

La visita al Palazzo dei Conservatori si conclude con un affaccio sul terrazzo, punto panoramico dal quale si può godere di una delle più belle viste sui fori romani.

Galata morente

Tornando negli ambienti seminterrati del palazzo si prende un corridoio dove sono esposte splendide statue e frammenti risalenti all’impero romano, fino ad arrivare alla scala che conduce al Palazzo Nuovo. Qui, oltrepassando l’atrio, si arriva al cortile dove si trova la colossale Statua di Marte e la Fontana del Morforio, mentre nell’adiacente Sala dei Monumenti Egizi sono conservati una serie di statue raffiguranti alcuni animali simbolo delle divinità egizie.

Salendo le scale fino al primo piano si raggiunge prima la Sala degli Imperatori, che conserva al suo interno ritratti di importanti imperatori romani come Adriano, Augusto, Traiano e Nerone; poi la Sala dei Filosofi, che raccoglie i busti di filosofi e poeti antichi quali Omero, Socrate e Cicerone.

La visita al Palazzo Nuovo ed ai Musei Capitolini si conclude in bellezza ammirando la Sala del Fauno rosso, straordinario reperto rinvenuto dalla Villa Adriana di Tivoli, e la Sala del Galata morente, scultura simbolo dei musei affiancata dalla meravigliosa copia di Amore e Psiche.

Cesare Paris

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento