A Carrara va in scena il marmo da Canova all’Ermitage

18/6/2015

Fino al 4 ottobre a Palazzo Cucchiari di Carrara sarà possibile visitare la mostra “Canova e i maestri del marmo. La scuola carrarese dell’Ermitage” per un viaggio nell’arte scultoria tra Italia e Russia.

Inaugurata in concomitanza con la riapertura delle sale del Palazzo Cucchiari, da poco restaurato, la mostra espone ben 16 sculture provenienti dal Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, tutte opere della collezione dello Zar Nicola I, e 7 gessi dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, legate alla Scuola carrarese e ai suoi maggiori esponenti.

La storia inizia nel 1845, quando lo Zar durante il “Gran Tour” visita l’Italia e inizia a diventare un collezionista di opere d’arte, ammirando, acquistando e talvolta commissionando opere con cui poi avrebbe allestito il primo museo imperiale di Russia, il Museo del Nuovo Ermitage, ubicato accanto al Palazzo di Vetro.

SCOPRI LA TOSCANA IN VIRTUAL TOUR

amore-e-psiche-antonio-canova

Tra queste anche alcune pregevoli sculture della scuola carrarese del marmo che ammira negli atelier dei principali scultori che operano a Roma, come i carraresi Pietro Tenerani e Luigi Bienaimè.

Ed è così che alcune sculture di proprietà dell’Ermitage provenienti dalla Scuola di Carrara, tornano grazie a questa mostra dopo tanto tempo in Italia per poter essere ammirate in tutto il loro splendore.

Tra queste anche opere di Antonio Canova, che da Carrara prese la sua eccezionale materia prima, che plasmò con una maestria unica, oltre che alcuni eccezionali allievi.

La mostra indaga, infatti, anche sulle tante “strade” che presero in Italia e in Europa gli scultori formati a Carrara e all’influenza che ebbero nella scultura moderna, da Firenze a Roma, da Berlino fino, appunto, a San Pietroburgo.

 

 

Info

“Canova e i maestri del marmo. La scuola carrarese dell’Ermitage”

13 Giugno – 4 Ottobre 2015

Palazzo Cucchiari – Carrara

www.canovacarrara.it

Valentina Sanesi

Commenti

commenti

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento